Oggi concerti: Il Giardino Onirico a Civita Castellana

Il Giardino Onirico, concerto lunedì 17 luglio 2017, ore 21.30, Cortile Maggiore Forte Sangallo, Civita Castellana (Viterbo).

Ringraziamo l’Ufficio Stampa per averci segnalato questo evento e ricordiamo a tutti che è possibile inviarci comunicati e segnalazione di eventi all’indirizzo di posta elettronica: wordsandmore@inbox.com

Lunedì 17 luglio

ore 21,30 Cortile Maggiore Forte Sangallo


IL GIARDINO ONIRICO

Emanuele Telli, Ettore Mazzarini , Stefano Avigliana, Massimo Moscatelli, Dariush Hakim

Il Giardino Onirico nasce nel 2008 su iniziativa di Stefano Avigliana, Emanuele Telli, Massimo Moscatelli ed Ettore Mazzarini. I quattro ragazzi, mettendo al servizio del gruppo il proprio background musicale che spazia dal prog metal alla musica elettronica passando per la musica d’avanguardia e il jazz, sviluppano un suono caratterizzato da atmosfere cupe ed avvolgenti, con un suono compatto raffinato e ben definito.

XXIX CIVITAFESTIVAL

A Civita Castellana (VT) tra Classico e Avanguardia

10 – 22 luglio 2017 Forte Sangallo, Via del Forte, 1 – Civita Castellana (VT)

PROGRAMMA CIVITAFESTIVAL 2017

Mercoledì 19 luglio

ore 21,30 Cortile Maggiore Forte Sangallo

BLUE MOKA
Fabrizio Bosso
Blue Moka è energico, carico, italiano. Il gruppo propone uno show di brani e arrangiamenti originali, ripercorrendo il sound della new generation di hard-bopper del mainstream newyorkese (nomi come Peter Bernstein, Billy Steward, Eric Alexander) musicisti di riferimento che hanno saputo ri-esplorare il jazz accattivante degli anni ’60 attraverso un linguaggio personale focalizzato sul continuo ed incalzante interplay. Il risultato è di grande impatto sonoro, bluesy, elettrico, con rimandi R&B alla contemporaneità

FABRIZIO BOSSO, Trumpet

ALBERTO GURRISI, Hammond

EMILIANO VERNIZZI,Sax

MICHELE BIANCHI, Guitar

MICHELE MORARI, Drums

Introduce Daniela Floris

Giovedì 20 luglio

ore 19,30 Cortile Minore Forte Sangallo
In Collaborazione con la Fondazione Bellonci
Presentazione Premio Strega 2017
A cura di Stefano Petrocchi
Ore 21,30 Cortile Maggiore Forte Sangallo
Theatron – Teatro antico alla Sapienza Università di Roma La Sapienza

TESMOFORIAZUSE di Aristofane
Traduzione di Giuseppe Mastromarco adattamento a cura di Anna Maria Belardinelli con la collaborazione degli studenti del Laboratorio di Traduzione
Ideazione e regia di Adriano Evangelisti
Musiche e canzoni di Giacomo Zumpano
Coreografie di Fabrizio Angelini
Costumi di Cicci Mura

La coesione e la solidarietà femminile contro intollerabili pregiudizi e stereotipi maschili. Un uomo geniale che tenta di discolparsi dall’accusa di misoginia ordita da un gruppo di donne. Nel mezzo, la bizzarra fusione dei due sessi che, in un inedito genere indefinito, cerca un equilibrio ed un incontro. La violenta accusa mossa ai danni del tragediografo Euripide, plot centrale della commedia Tesmoforiazuse, si colloca, e non a caso, all’interno delle consuete celebrazioni religiose in onore delle Dee Demetra e Persefone, dedicate al risveglio della forza generatrice che abita tanto nelle madri quanto nella Terra. È questo contesto di norma precluso agli uomini a fare da sfondo all’intera vicenda, sancendo sin dall’inizio una separazione netta tra i due sessi. La vicenda di Euripide è quasi un evento accidentale che sconvolge i rituali propiziatori della fertilità, in quanto tali esclusivamente riservati al genere femminile. Dai Kanamara Matsuri delle scintoiste giapponesi ai festeggiamenti Lohri del nord dell’India, passando per le feste prematrimoniali Induiste, sempre e in ogni dove, l’universo femminile ha sentito la necessità di raccogliersi per celebrare riti esclusivi di questo tipo. Da questa riflessione è nata l’idea di ricollocare la “parabola aristofanesca” in un mondo “altro”, fuori dalla storia, che nel proprio tempo, però, sapesse raccogliere echi e suggestioni provenienti da quelle civiltà nelle quali queste tradizioni sono ancora vivide ed estremamente sentite. L’intera commedia rappresenta un vero e proprio esempio di “metateatro”, quel teatro nel teatro nel quale i continui travestimenti dei protagonisti danno vita ad una incredibile girandola di situazioni divertenti, bizzarre, paradossali. Di essa abbiamo voluto esaltare le dinamiche e i meccanismi comici, trasferendo nelle situazioni e all’interno di ogni singola azione la violenta mordacità, la colorita arguzia e la scurrile irriverenza della lingua di Aristofane.

Venerdì 21 luglio

Ore 21,30 Cortile Maggiore Forte Sangallo
Giorgio Cuscito & Massimo Pirone Big Fat Band in “Ellingtoniana”
Concerto interamente dedicato alla musica di Duke Ellington con gli arrangiamenti originali per big band la formazione preferita dal Duka. Trumpets Massimo Patella, Flavio Patella, Paolo Federici,
Trombones Palmiro Del brocco,Loredana Marcone anche Vocal, Massimo Cuomo
Sassofoni Alessio DiGiulio, Giorgio Guarini,Stefano Angeloni,Enrico Guarino, Adriano Piva
Piano Flavio Bonanno
Contrabbasso Dario Pimpolari
Batteria Davide Diana
Introduce Daniela Floris

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 22 luglio

Ore 21,30 Cortile Maggiore Forte Sangallo
Suoni in Movimento
dedicato a Massimo Coen

Nessuno meglio di Massimo Coen ha saputo raccontare la sua storia di musicista eclettico e trasgressivo, dall’impegno maturato nelle più impervie regioni dell’avanguardia musicale italiana (Scelsi, Maderna, Evangelisti, Guaccero, Clementi, Bortolotti), sino alle recenti creazioni realizzate nel segno di un’assoluta trasversalità dei fenomeni dell’arte e della cultura; nessuno meglio di lui ha saputo cogliere con gesto essenziale le esperienze cruciali della sua vita d’artista, ancora vivacemente in corso.

GABRIELE COEN TRIO “JEWISH EXPERIENCE” Musica klezmer, sefardita, jewish jazz
Gabriele Coen presenta il suo progetto “Jewish Experience” una delle formazioni più tipiche del jazz contemporaneo come volano di un viaggio musicale in cui si reinterpreta in chiave jazzistica il repertorio popolare ebraico, attraverso composizioni originali, brani klezmer e sefarditi (ebraico-spagnoli). Gabriele Coen “Jewish Experience” è stata la prima band italiana prodotta da John Zorn per la Tzadik, la prestigiosa etichetta discografica newyorchese in cui sono presenti artisti del calibro di Marc Ribot, Frank London, David Krakauer, Uri Caine, ma anche Steve Lacy, Lou Reed e Laurie Anderson

Gabriele Coen sax soprano e clarinetto
Francesco Poeti chitarra
Marco Loddo contrabbasso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MEDIA PARTNER
PERIODICO ITALIANO MAGAZINE, FUNWEEK.IT, RETE ORO

Ufficio Stampa HF4 – Marta Volterra marta.volterra@hf4.it +39.340.96.900.12

00:00
--
/
--

clicca qui

Leave a Reply